Strumenti personali
Tu sei qui: Home Convegno Keynote Speech by John Carwile, Minister Counselor for Economic Affairs (US Embassy, Rome)

Keynote Speech by John Carwile, Minister Counselor for Economic Affairs (US Embassy, Rome)

logopiccoloeng.png

Buongiorno! Before starting my remarks, I would like to thank John Cabot University for hosting today’s event. I’m sure it’s going to be an interesting day. And also bear with me because I forgot my reading glasses:  it will be a little difficult here and there.

 Since I last worked in Rome during the 1990’s, John Cabot has grown as an institution both physically and in academic quality.  It’s impressive to see, and also indicative of why the Embassy likes supporting John Cabot.  As John Cabot has grown over the last 15 years, I’m sure the institution has considered how to promote, share, utilize ideas while at the same time respecting the rights of developers and creators, and I believe that much of today’s discussion will revolve around this theme.

 Given the expertise of the audience and the speakers who are going to be presenting today, and for my sake and yours, I won’t try to delve into the technicalities of intellectual property rights protection within an academic environment. I’ll also avoid discussing what constitutes fair compensation for authors and creators and the need for incentives to ensure the continued innovation and new products.

 One thing I would like to do in the time I have is to tell you why the Embassy, why my government, decided to endorse today’s event – besides our obvious interest in supporting a quality American institution like John Cabot.  I also want to touch on the theme  - and this comes up a lot right now because of a discussion that is going on within Italy about draft regulations governing how you use the Internet and Internet freedom – of how do you protect intellectual property rights on the Internet. The telecoms regulator AGCOM has drafted regulations that have generated a lot of press interest, a lot of academic interest, and a lot of interest from industry stakeholders and from the United States government. So, what I’d like to do is tell you a little bit about how the United States is looking at the questions of Internet freedom and intellectual property rights protection.

 As you know, it’s no secret that the protection of intellectual property rights is a major trade interest of the United States. We have always worked towards insuring the protection of intellectual property rights both at home and abroad. It’s widely known that intellectual property is a major U.S. export. Just think of the obvious industries: pharmaceuticals, films, music.  And with the advent of the global Internet access, everybody around the world now has access to digitalized information. The challenge that we, the United States, face in protecting intellectual property has changed.

One of the key issues for us is how do you find the right balance, a just balance, between due protection of IPR and insuring Internet freedom. We make a point of emphasizing the United States supports both Internet freedom and strong protection of enforcement of intellectual property rights. These are not mutually exclusive goals. As many of you know, Secretary of State Clinton has been a leader in promoting freedom of expression and the free flow of information on the Internet and through other connection technologies. As she said in a February 2011 speech on Internet freedom, “The rights of individuals to express their views freely, petition their leaders, worship a point to their beliefs, these rights are universal. Whether they are exercised on a public square or on an individual blog. The freedoms to assemble and associate also apply in cyberspace. In our time, people are as likely to come together to pursue common interest online as in a church or a labor hall.”

Now at the same time, intellectual property rights are recognized in the United States Constitution, and they are critical to the functioning of the U.S. economy. As such, protecting and enforcing IPR is one of my government’s economic and law enforcement priorities. President Obama, Secretary Clinton, and others have been strongly supporting policies and practices designed to preserve intellectual property interests. As the President stated last year, “Our single greatest asset is the innovation, ingenuity, and creativity of the American people. It is essential to our prosperity and will only become more so in this century.” And in May 2011, in his International Strategy for Cyberspace (some of you may have seen some of the press reports, it was released with great fanfare) President Obama expressed the view that the theft of intellectual property threatens national competitiveness and the innovation that drives it. His strategy recognizes that rules promoting order and peace, advancing basic human dignity, and promoting freedom and economic competition are essential to any international environment. The strategy goes on to recommend that states should, in their undertakings and through domestic laws, respect intellectual property rights including patents, trade secrets, trademarks, and copyrights.

 As I noted earlier, the United States considers IPR enforcement and promoting and protecting freedom of expression to be compatible goals. Secretary Clinton said in another speech on this theme, “In confronting certain challenges regarding Internet freedom, all societies recognize that free expression has its limits”.  She identified the distribution of stolen intellectual property as one of these challenges. At the same time, she cautioned that challenges must not become an excuse for governments to systematically violate the rights and privacy of those who use the Internet for peaceful, political purposes.  Consistent with this statement, the United States supports legitimate enforcement efforts, but condemns the use of so-called law enforcement as a pretext for political repression.

Now this is, I don’t have to tell you, a complex issue, and it’s debated here in Italy, within the university system here, and also in the press, especially now this year as new regulations are being proposed by the telecom’s regulator.  But I think that we must work together in identifying and developing the most appropriate ways to achieve a balance between protecting intellectual property rights and freedom of expression.  So in closing, the reason we are pleased to support today’s event at John Cabot is to underscore our commitment to seeking this balance, encouraging occasions such as this to debate issues.  In this respect, I’m sure that many ideas, suggestions, and practices will emerge from today’s events.

 Thanks for having us here. I look forward to a great day. Thank you.

 

logopiccoloita

Traduzione non ufficiale


Buongiorno! Prima di iniziare il mio discorso, vorrei ringraziare la John Cabot University per aver ospitato l’evento di oggi. Sono sicuro che sarà una giornata interessante. Inoltre, vi chiedo di essere pazienti perchè ho dimenticato i miei occhiali da lettura: potrei avere qualche difficoltà qua e là.

 Dall’ultima volta che ho lavorato a Roma negli anni ’90, la John Cabot University è cresciuta come istituzione, sia fisicamente che in qualità accademica. E’ un fatto significativo, ed anche indicativo delle ragioni per cui l’Ambasciata è contenta di aiutare John Cabot University. E poichè  l’università è cresciuta negli ultimi 15 anni, sono sicuro che ha riflettuto su come promuovere, condividere e utilizzare le idee rispettando contemporaneamente i diritti di coloro che le hanno create e sviluppate.

 Sono sicuro che molto della discussione odierna verterà attorno a questo tema. Date le competenze del pubblico e dei relatori non mi addentrerò nei tecnicismi relativi alla protezione della proprietà intellettuale in ambito accademico. Eviterò anche di discutere cosa costituisca un equo compenso per gli autori e i creatori, o la necessità di assicurare  continuità di innovazioni e nuovi prodotti.

 Una cosa che vorrei fare nel tempo che ho a disposizione è dirvi perchè l’Ambasciata e il mio governo hanno deciso di appoggiare questo convegno, al di là dell’ovvio interesse ad aiutare una istituzione americana di qualità come la John Cabot University. E vorrei anche toccare il tema – che viene molto a proposito per la discussione che si sta facendo in Italia su una proposta di regolamentazione dell’uso di internet e della libertà in rete – di come proteggere la proprietà intellettuale su internet. L’agenzia per le telecomunicazioni AGCOM ha sviluppato un regolamento che ha generato molto interesse da parte della stampa, negli ambienti accademici, tra gli stakeholders del settore e anche da parte del governo degli Stati Uniti. Perciò quel che vorrei fare è dirvi qualcosa a proposito di come gli Stati Uniti vedono la questione della libertà su Internet e la tutela dei diritti di proprietà intellettuale.

 Come sapete, non è un segreto che la tutela dei diritti di proprietà intellettuale sia uno dei grandi interessi commerciali degli Stati Uniti. Abbiamo sempre lavorato per assicurare la tutela dei diritti di proprietà intellettuale, sia internamente che all’estero. E’ ampiamente noto che la proprietà intellettuale costituisce una delle più importanti esportazioni statunitensi. Basta pensare alle industrie più ovvie: farmaceutici, film, musica. E con l’avvento dell’accesso globale a internet, ognuno in qualsiasi punto del mondo ha ora accesso all’informazione digitalizzata. La sfida che noi, gli Stati Uniti, fronteggiamo nella tutela della proprietà intellettuale è cambiata.

 Una delle questioni chiave per noi è come trovare il giusto bilanciamento, un equo bilanciamento, tra la dovuta tutela dei diritti di proprietà intellettuale e la necessità di assicurare la libertà di utilizzazione della rete. E’ per noi una questione di principio sottolineare che gli Stati Uniti sostengono sia la libertà di internet sia una forte protezione dei diritti di proprietà intellettuale. Questi obiettivi non si escludono reciprocamente. Come molti di voi sanno, la Segretaria di Stato Clinton è stata un leader nel promuovere libertà di espressione e libera circolazione dell’informazione su internet e su altre tecnologie di connessione. Come ha detto nel suo discorso del febbraio 2011 sulla libertà di espressione su internet, “I diritti degli individui ad esprimere liberamente le loro opinioni, fare petizioni ai loro rappresentanti, mettere in pratica le loro convinzioni, questi diritti sono universali. Non importa se sono esercitati in una pubblica piazza oppure su un blog individuale.  Le libertà di riunirsi ed associarsi si applicano anche al cyberspazio. Ai nostri giorni, è tanto probabile che le persone si uniscano per portare avanti un interesse comune online quanto in una chiesa o in un luogo di lavoro.”

 D’altra parte i diritti di proprietà intellettuale sono riconosciuti dalla Costituzione degli Stati Uniti e sono cruciali per il funzionamento dell’economia statunitense. Di conseguenza, proteggere e far valere i diritti di proprietà intellettuale è per il mio governo una delle priorità da attuare in campo economico e legale.

Il Presidente Obama, la Segretaria Clinton ed altri hanno fortemente sostenuto politiche e pratiche miranti alla protezione degli interessi relativi alla proprietà intellettuale. Come il Presidente ha affermato l’anno scorso “La nostra singola risorsa più preziosa è l’innovazione, genialità e creatività del popolo americano. E’ essenziale per la nostra prosperità e potrà soltanto diventare più importante in questo secolo.” E nel maggio 2011, nella sua Strategia internazionale per il cyberspazio (qualcuno di voi potrebbe aver visto i rapporti stampa, il documento ha avuto grande risonanza) il Presidente Obama ha espresso il parere che il furto della proprietà intellettuale sia una minaccia per la competitività nazionale e per l’innovazione che la guida. La sua strategia riconosce che in ogni ambiente internazionale sono essenziali regole che promuovano ordine e pace, facciano crescere i fondamenti della dignità umana, facciano avanzare libertà e  competizione economica.  E continua col raccomandare agli stati che nelle loro iniziative e attraverso le leggi nazionali rispettino i diritti di proprietà intellettuale, inclusi brevetti, marchi, segreto industriale e copyright.

 Come notavo prima, gli  Stati Uniti considerano il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e la promozione e la protezione della libertà di espressione obiettivi compatibili. La Segretaria Clinton ha detto in un altro discorso su questo tema “Nell’affrontare certe sfide riguardo alla libertà su internet, tutte le società riconoscono che la libertà di espressione ha i suoi limiti.” E ha identificato nella distribuzione di proprietà intellettuale rubata  una di queste sfide. Allo stesso tempo, ha ammonito a non utilizzare le sfide come una scusa con cui i governi possono sistematicamente violare i diritti e la privacy di coloro che usano pacificamente  internet per scopi politici. Coerentemente con questa affermazione, gli Sati Uniti sostengono i legittimi sforzi di enforcement, ma condannano l’utilizzazione di cosiddette misure di attuazione come pretesto per la repressione politica.

Ora questa è, inutile a dirsi, una questione complessa e dibattuta qui in Italia, all’interno del sistema universitario, nella stampa, specialmente ora che nuovi regolamenti sono stati proposti dall’agenzia per le telecomunicazioni. Ma io penso che dobbiamo lavorare insieme per identificare e sviluppare i modi migliori di raggiungere un equilibrio tra la tutela dei diritti di proprietà intellettuale e la libertà di esperssione. Così, in conclusione, la ragione per cui siamo lieti di supportare l’evento di oggi alla John Cabot University sta nel sottolineare il nostro impegno nella ricerca di questo equilibrio, incoraggiando occasioni come questa per la discussione. A questo riguardo, sono sicuro che oggi emergeranno molte idee, suggerimenti e pratiche.

 Grazie di averci  invitato.  Confido in una grande giornata. Grazie

 

 

Azioni sul documento
Tag Cloud
Video
RSS FEED..SEGUICI

RSS FEED