Strumenti personali
Tu sei qui: Home Convegno Tracy Mitrano (Director of IT Policy and Computer Policy and Law Programs at Cornell University) Copyright for the next millennium

Tracy Mitrano (Director of IT Policy and Computer Policy and Law Programs at Cornell University) Copyright for the next millennium

logopiccoloeng.png

Good morning everyone. 

It is a true pleasure to be here. I have been relating to Mrs. Morani, my father´s family is from Italy, Gaeta, and I have the great pleasure of going there the day after tomorrow, and I thank you very much for this opportunity to meet family whom I have never met before. So, in many ways this is a wonderful trip.

These are important issues that we are debating today, no doubt: the presence of so many esteemed people from all over Italy and the Embassy... Thank you again for bringing me from the United States. I don’t think we have so much disagreement. I think we are really looking for a balance. And so I have already given you the conclusion to my topic, and I’ll sit down now! 

I’m a historian by training and then I went on to do law and I have found that those two are not incompatible either. So what I would like to do today is perhaps blues through a very high level history of copyright in the United States to help with an international perspective as well as for the few that we are probably going to focus on more today regarding what we will need to do to make open access in a balanced copyright law applicable internationally, in such a way that we can move all of the countries forward and still respect those property rights which we have already mentioned.

So, in general, just to be sure we are all on the same proverbial page, what is copyright? It’s the protection extended to author for original work, tangible medium, for a limited period of years,  the exclusive rights and all of those verbs listed here and statutorily in the United States. It is subject to exceptions such as first sale, classroom use, compulsory licensing, and the most interesting, if not all, sometimes contentious, fair use exception as well.

It was mentioned that the copyright really begins in American law with the Constitution and when I teach undergraduates this, they look very puzzled because they are thinking about downloading and music today: "What does this have to do with something that happened over 200 years ago?" It has a great deal to do with what happened over 200 years ago! Of course the United States was built on the ideals and principles of political participation and democracy. But underlining that was the great desire of our country to have free trade, which was a revolutionary concept in the 18th century, and the recognition that there needed to be the kind of innovation in the economy in order to have free trade, that there was going to be an explosion of ideas, that the industrial revolution would be carried over,  or at least in Alexander Hamilton’s mind, to the United States after where it began in Britain. And in order to foster the kind of economic development that would fuel an industrial revolution in the United States, there had to be some concept of how to incentivize the author of works or the inventor of inventions to bring those ideas forward and into the economy.

So, our founding fathers had a very interesting debate. Perhaps we don’t have the time to talk about the details, but George Washington was interested in creating a public domain. Thomas Jefferson was interested very radically in getting rid of monopolies and our father of the American constitution, James Madison, wanted a balance between these two things. Resulting in the language we have here: to promote the progress of science and useful arts by securing for limited times to authors and inventors the exclusive right of respect to writings and discoveries. So you see, I get the sense of trying to maintain some limits around this exclusive right in order to fuel the public domain, but we also see the exclusive right that actually was captured back in the 16th century in England after the printing press was founded with the Stationers' Act of 1557.

Our Congress passed the first copyright law in 1790, which is just one year after the Constitution. So, again, you can see the importance that even in the 18th century our founding fathers had around these ideas. It was copying, if you will, British law that allowed a limited scope in terms: you could have 14 years and get another 14 years; it required registration. Also, it’s important to mention that the scope of copyright in this period was extremely limited by comparison to what it is today. It was some books, maps..., anything that was official from the government, really, was in the public domain, but it was really good kind of works that would be exceptional to those of literary classes. What it did do and what is the most important thing is balance incentive with innovation in a free market political economy. 

In the 19th century the United States had a very weak copyright law by comparison to the UK. At that time we were the worst infringing country in the world. We were a developing country, we were not bounded by treaties to abide by British copyright law and so with abandon we reproduced Austen, Dickens, Defoe, name your favorite British author and we were reproducing it prodigiously on our frontier. In part because of the absence of any law that would require the United States to abide by those laws in Britain, but also again because as a developing country we were poor, and we used whatever means we did, to enrich ourselves culturally. And in the Anglo-American tradition, much of that culture was coming from them. It’s not unlike, interestingly enough, how we think about developing countries today, in trying to understand the appropriate balance. 

And over the course of the 19th century there was an incremental increase in terms. That is, the term limit of how long you had this protection was just advancing a little bit. Also we had the precedent for fair use emerging out of case law. As you know in the common law system case law is often how we acquire law, and in this case fair use came first out of a Supreme Court case.

In the 20th century, beginning in 1909, copyright law became much more robust. Piano rolls and Mark Twain testifying before congress were some of the main drivers of how copyright law began to advance much more quickly. But that’s also in keeping up with the fact that the United States quickly began strengthening its copyright laws in concert with its becoming an industrial developed country. It wanted to protect exactly the kinds of things (although now we think more of information economy and cultural products that the United States exports, at the time it was more industrial). Interested in some literature, as Mark Twain represents, but also in many of the discoveries and innovations that required patent protection.

The ‘76 copyright law amazingly enough is our current copyright law. And may I say, that may be part of the problem that we face today. It needs no explaining that in 1976, personal computers, digitization, network systems, effectively didn’t exist - perhaps with some early advances and discoveries, but effectively didn’t exist for the populous. They had no impact on how social norms, technology, the law and the market were interacting, in such a way as to make sense of these copyright laws, as they were shaped largely by the stakeholders who were fusing all of those factors together in a way that really could have served their position. And the assertation of their position with robust copyright law, behind an expansion of American culture that was increasingly becoming the major export, and finally by the 1980’s and 90’s really was the major export, 40% internationally, is that which is covered by intellectual property and it is largely found in the entertainment area.

The ‘76 law shaped by these owners was also a very different definition of copyright law than we had back in the 18th and 19th centuries. It has an extremely broad scope, it has extensive terms, no registration requirement, and it, also for the first time, codified fair use. Which is probably what continued to make it a very interesting issue, because now we have a specific language with which to work even though there are opportunities for ambiguity in that language. So, I want to just focus a little bit on this, I know that for all of you this is probably common information, but again, I’m trying to put it in the historical context, so that we can think about where we are going from where we come, the scope now encompasses all original work in a tangible medium. 

When I have a cocktail with you later today, if I get creative and put something that has a little spark of originality on a cocktail napkin, I now have the copyright in this little poem or whatever I write. Well, now I have it for life, plus 70 years. 

I’ll explain that, why it’s different here and what I’m saying, in a moment. However, in ‘76 it would have been 50 years and for the corporations 75 years. Registration is not required. The moment I write something on a tangible medium that has some spark of originality, all of the terms accrue immediately. The damages are also very extraordinary, set in a time when the technology did not allow for such an explosion of infringement. So, the ideas you’re thinking of genuinely intentional criminal use, of someone who is off in a corner making a lot of tapes, selling them on the street corner, or selling them through some other fraudulent means. And so they were statutorily set at 750 dollars for the least infringing, the least intentional, to 150,000 dollars (this is if it is registered and is if it is clearly intentional to be copied for a single infringement).

As a person who enforces copyright at Cornell University, I have seen the complaints that have come in from the content owners. For a student (just to give you an example) who has a file share program running on their computer, let’s say you have a library of maybe 1000 songs,  the content owners will choose 100-50, 200- it depends. In just once going out - and network systems alone allow these things to go on constantly and repeatedly- but just once going out, the numbers were in the hundreds of thousands of dollars that the content owners were suing the students for. It made it a very important issue then to us to educate our students. We already had been doing so, but we’re up against a very large wave of the technology that makes all this available. I can also tell you well perhaps later of some of the stories of parents that would call me, some of them not understanding that it was a content owner who was suing their student, thinking that it was Cornell University. And you can only imagine how unhappy they were.

The Copyright Extension Act that President Clinton signed in 1998 extended the terms of copyright protection by 20 years. So that counts for what I was saying before. So now my little poem on the cocktail napkin, I now have the right in for the rest of my life and 70 years. It’s a very long time, obviously. And a corporations would have this protection for 95 years. In the United States, this law is commonly referred to as the Mickey Mouse Protection Act, and while sometimes people’s sarcastic comments about legislation are off base, I think that in this case it is not an exaggeration. It was clearly and singularly bought and paid for by the lobbying of the Disney Corporation that was concerned that Mickey Mouse was about to enter the public domain. So later when we talk about where is the balance and what is the right thing to do, this is really a great case example. Should something that has become so popular like Mickey Mouse be allowed to go into the public domain so that people can begin to create and reuse the concept, the idea, the trademark, the copyright on all of the cartoons in an innovative fashion? Or should a corporation be allowed to lobby congress so heavily as to add another 20 years to hold on to their own profits? These are the questions, I think, that really we’ll focus our discussion on later today.

The Digital Millennium Copyright Act of that same year really can be thought of as in two sections. The first section is largely procedural, it establishes a process whereby a content owner can contact an Internet service provider for alleged infringement, and there are four safe-harbors in it. And again watching over this for Cornell University, that operates a network system, it's very important that we watch for all of the safeguards that are in the law. And we have a very close process by which we manage so if it is infringing content going out in our network from one of our servers, we immediately take it off the network. When it involves a student, we don’t really have liability unless and except there is a constantly repeating infringer that we measure by the DMCA notices that come to Cornell University, at which point we have a process specific for students. Again, because the traffic is going on their own computer rather than on a university computer, the law treats the situation differently and we try to treat each situation according to our missions as well as our liabilities.

Section 1200 is the area of the copyright law here that added new law to the 1976 substantive provision, that made an infringement of copyright simply to break the encryption that is on a DVD to keep it from being copied. Whether you ever copied that DVD after you broke the encryption does not matter, as to the liability you’re already required merely by the fact you broke that encryption. If you copy it, then you’re also breaking the basic copyright law of ‘76. It’s just breaking the encryption. This has been a very controversial provision in the United States as I’m sure it would be anywhere in an academic community. There is already in the law a very narrowly construed concept for research as an exception, but many researchers in the United States, at Princeton University in particular, have made this a political issue. I don’t believe there has been a case brought forward where we have been able to clarify the scope of the exception, and unfortunately there has not really been a change statutorily in the law to make clear that this may inhibit research, reverse engineering, that is very important to computer scientists and engineers in order to study and understand so that they can innovate more. Again, I raise this issue because this may be another example where the idea of having strong copyright law, an idea with which I don’t disagree (and many people don’t disagree whatsoever), nonetheless, is clouded with complications by the details of these laws that would seem to be pushing the balance so far in favor of the content owners that the very thing that we want strong copyright law for - and that is to incentivize and ensure that there be a balanced economy - may be foiled by the emphasis that the law now seems to be giving to content owners in contrast to people who want to create, want to innovate, want to be able to use materials in the public domain in order to keep the engines of the economy moving forward.

Fair use has been a very obvious battleground in this question. In the 1976 law, the four factors that were included were (and I’m sure this is common information to many of you): the type of the material, the amount used, the nature of the use, and the commercial quality, whether it was going to affect the remuneration of the content owner.

We have a few Supreme Court cases on this point. Back some years ago, a case was brought against Two Live Crew,  an early rap group, for the full use of the song “Pretty Woman”. The Supreme Court found in favor of them rather than the creator because they saw it as a parody. This is a very important case that people don’t seem to be mentioning so much anymore,  I’m a little curious about it.  You know rap and remix use so much old material. My understanding is that even the smallest pieces now are being licensed because of the fear of litigation, when here we had, just a generation ago, a case where an entire song was used and the Supreme Court found it to be appropriate under the fair use exception. You know, we have a joke in the United States because fair use is so complicated with these four factors: How many people know what the final answer is on any fair use question? Five, because that is the necessary majority on the Supreme Court for the decision.

Well, this makes it very difficult. Going to court is very expensive in the United States, and you simply can’t wait until a court decision, many, many years down the road. And so the fall back position it would appear, especially as I mentioned in the current culture in rap music and remix music, is simply to get the permission via a license so that a great deal of money is flowing in that direction. But again, you can only do that if you’ve already been contracted with a record label and they have the legal teams and lawyers and so forth and so on to facilitate these kinds of licenses. So, setting aside the question of whether they should be gotten at all under fair use, there is the additional question:  What are we doing to those younger creators who don’t have a team of lawyers to call up on the phone and say, “Look, I’m using a little piece of some song, it was done in 1970. Could you be sure that I’m not going to be sued about it?” This doesn’t exist and I think it’s part of what may be inhibiting the development of a lot of other areas of culture, not just in music and in rap.

So, in some of the most noted cases we have in the fair use area, Google Books certainly stands at the top. We talked about it at dinner last night, everyone is waiting anxiously for Judge Chin to finally make a decision. There’s no question that it would take a corporation the size of Google to be able to bring one of the most important fair use cases of our generation to the level of the federal courts. And I wonder if the very long time it’s taking for Judge Chin to make the decision may be because it is a very difficult decision to make. In the absence of that decision, just this week, more litigation is beginning to rain down on us and in our colleges and universities including my own, which was sued on Monday morning by the American Association of Publishers because Cornell University had participated in the Google Books project. So, I believe as we await the decision, the publishers are not going to just sit around and bite their nails. They’re at the courthouse, they are filing suits, and they are trying to push, I think, Judge Chin and the law in a way while they still have the opportunity to do so.  

We have, in addition to the cases that were brought this week and all of those that involve Google Books originally, a case that has great importance in the United States higher education system, Georgia State v. the American Association of Publishers. I won’t bore you with all of the details of the procedural posture of it. There were many, many claims, they have all boiled down now to one claim of indirect infringement with Georgia State claiming the exception of fair use. Again, this is a decision for which we are eagerly awaiting, we thought it would come out in the last couple of weeks and it hasn’t,  so we will see probably sometime this fall what the answer to that question is.

 I’ve already talked a bit about the rap and remix section. One day I was with my 14 year old boy and he was playing some rap music and I suddenly heard something that rang a bell with me and I thought, “what was that?” I asked him to replay it, and he replayed it a few times. Finally I remembered a Janet Jackson song in the early 1980’s, Escapade. It took, gosh, it went something like this... [humming a few notes]. That’s all it was, that’s all it was from that song, it’s exactly like the notes I just sang for you. But I went and I looked and permission had been gotten just to use that amount of music. I mean, this in any calculation of fair use should be allowed, but it is the kind of practice now to which I was referring to before that may be keeping younger artists from becoming viable, being part of the cultural scene that is developing the music we have today; if you have to get permission for about ten notes of a song in order to use it.  Again, I’m going to say things that are very obvious to us all but I think it’s good that we establish the foundation before we move into some of the comments.

Copyright, before the Internet and after the Internet. Whoever owns content effectively controls the Internet, and I think it’s important to see some of the battles about copyright in this context. The Internet is very interesting to an engineer for all of the networking purposes and the effectiveness of semi-conductors, it’s very interesting as a technology, but in that technology the TCP IP protocols are in the public domain because they were developed by the United States, and what’s really interesting about the Internet is what you and I can read on it. Those things might satisfy the scientist but what we love about it is what we can read. What we can read is that which is protected by the copyright both in the software that translates, as well as in the content that we see. And so, it is very important for us to understand that part of the battles of the copyright are not merely questions of intellectual property protection but really control over the Internet, generally. And most of the Internet, it’s also important to remember, even though it may be open, and accessible to us, these applications are privately owned. When you go to Google, you are in private space. When you go to Facebook, you are in private space. And in American law, at least when you are in private space, very strict rules apply because our foundation of private property. The Internet is not all public even though it feels that way when we use it. So, these two issues of controlling the internet and the fact that so much of that which we use on the internet is controlled privately, are part of the conversation that we have to have when we do talk about what the right balance is and for what purposes.

All right, I’m going to move along more quickly. The technology that disrupted the 20th century business model is also certainly a part of this conversation and of course by extension with the Berne Treaty, it encompasses all of the developing nations. And here I want to mention that, because of the example that moral rights provides in the European Union. So know, perhaps you already do, that the United States does not have this concept of moral rights, and I will come back to that in a moment. Many people have asked me why we don’t. The main reason is that the market is so strong in the United States, unlike the European Union, that it has driven moral rights out of the equation of copyright. So,  if I write a story, and I have the main character die in the end, and the Disney Corporation buys my story and they make the character live in the end, I have no right to say, “Wait a minute. I wrote this story this way for this reason.” They have now bought the copyright. They own the copyright in a complete and whole way, and I have no right to say anything about what they do with the material after I have sold it. In the European Union, that would be different, as you all know. And I raise this difference between American and European law not only to stress the powerful force that the market is in the Unites States, where I think in the European Union it’s balanced out more by government, because I also want to develop some movies, ideas of some of the slight differences that we have towards my conclusion.

I think what you can gather from what I’m suggesting is that technology has thrown copyright law out of balance with the social norms that stabilized it when it was first promulgated in the 1970’s, and it is also out of balance for the best and most robust information economy that we could have on a global scale. 

The scope is too large without registration. The terms are too long; they are creating perpetual ownership by legislative installments. The 20 years is coming around now with Mr. Mickey Mouse again, so we’ll be eager to see if we’ll have more legislative action in his name - although there’s been so much publicity about it that it would be a reputational challenge for Disney to get yet another investment in its installment.  The damages are far too extensive and the question of orphan works has been continuously ignored, as problematic as that question is. 

Content owners want the law, in short, to compensate for how technology undermines their control. So, I allow completely, as I’m sure we all do, that technology has disrupted the control that they had, but what appears to be the case is that they are using the law to try to balance it. So we’ve got a very very heavy law, we’ve got a very wild technology, and I’m not sure that this is the best way to attempt to recreate the balance of the 1970’s.

Why do I say this? Because as a parent and as an educator, it would appear to me - and this is not a new idea, there are many people in the United States that have talked about this - that we are creating a generation of criminals. The amount that I described to you that came to Cornell University to share with the students it could very well be hitting the criminal bar on copyright which is both a civil and criminal law in the United States. And for a generation of youth to be using technology with impunity to violate the law, and we turn a blind eye or think "Well, everything is mixed up about this", what are we going to do? At the same time that the law becomes increasingly harsh and restrictive with the kind of creativity that we all want to develop out of our children and our students, suggests that there is something wrong which we must address as a community together. And my main reason for promoting this idea is because if we allow a generation of criminals to emerge out of our beautiful children, is to undermine the very citizenship that is the foundation of our democracies and will undermine the information economy as we see it in a largely free trade world context.

So the challenges within the United States law and society, I think, are to balance copyright law and keeping the social norms and technology in the market, but with these fundamental values about a democratic society, and certainly they involve open access and free speech, innovation, and incentive. At their core, and not just for the United States but for us all, they involve citizenship.

 The international challenges as I see them would be to harmonize copyright law between the developed and the developing nations, Asia for example, now where the United States was, maybe 20 years ago or more so, where the US was in the 19th century. China notably is moving quickly towards some harmony because it wants protection now of its growing market in intellectual property. I don’t know whether it would be possible in law to create - via treaties - a form of sliding scale or some type of way in which we can allow developing countries some greater access as we have actually with pharmaceuticals,  in order to move them up in a way that they are then in a position to compete with the more robust laws, uniformly. The international opportunities, I think, lie in that the European Union has exerted a stronger and more autonomist government role in its internet policy and law, and I mean this more generally than just copyright. Antitrust is a prominent example as we have seen it exercised in Microsoft case and very currently with Google on privacy. France and Britain have forced a three strikes law for copyright infringement. I think we still have a lot to talk about with that. For whom is it? Is it sufficient due process? But what I do see as interesting is that the government is exerting more pressure on the Internet service providers than they do in the United States today.  Again, this is a market question. To have that kind of force exerted on our commercial providers in the United States, I’m waiting to see that day. It will not happen with the law, it may happen in talks between content owners and the Internet service providers, but I doubt very much that we would have the kind of three strikes laws that we’re beginning to see in Western Europe emerge because the market simply won’t allow that kind of government encroachment.

But I do think we have to recognize that some of the hegemony, to use and old fashioned word, of the United States is beginning to fade, even in the cultural realm. And so there might be an opportunity then, to talk together as a global community about what would be the most appropriate intellectual property laws, copyright laws not least. This is where something like moral rights, I think, begins to create the discourse for balancing out in an international way. What is going to be better for the community at large? The moral rights has an important quality, that it preserves those transcendental aspects that we saw evident in our law originally in the Constitution. There is something precious to be protected, and moral rights, I think, encapsulates that in way that we have lost in the United States. And it’s why students, when I teach them copyright is in our Constitution, they look so quizzically. I mean, because they think of it as this thing that is keeping them from being creative, they think of a Constitution as a great thing and they don’t understand what the bridge is between the two. And I think that the concept of moral rights preserves the presence of the author in a way that even transcends the contract to a publisher or to a movie industry,  the kind of sense that we want to recreate when we consider copyright law on an international scale for this next millennium, because that’s the thing that is most precious about it, that’s the thing that sparks originality, and that’s the thing that sparks innovation. So, what are the first principles of copyright? Balance of innovation, incentive, and free speech, and a dynamic public domain. Citizenship in a participatory and semiotic democracy.

My conclusion. It’s the central international policy issue, so again thank you so much for having me. It involves freedom of expression, semiotic democracy, and a discourse of culture. Goals I’m sure that anyone in this room feels passionately about. And it certainly concerns fairness, ordered liberty, it touches on questions very much in the limelight;  I think that in the United States today the commoditization of individuals, because of this extreme market pressure, and the undue influence of multinational corporations, are the political core of meaning in copyright and intellectual property not only for its future but for all of us.

 

logopiccoloita


Buongiorno a tutti. 

E’ un vero piacere essere qui. Come la dottoressa Morani sa, la famiglia di mio padre è italiana, di Gaeta, e dopodomani avrò il grande piacere di andare a trovare i parenti che non ho ancora avuto occasione di conoscere. Questo viaggio è meraviglioso per me, per molte ragioni, e ve ne sono grata.

Le cose di cui dibatteremo oggi sono importanti, senza dubbio, come si evince dalla presenza di un così folto gruppo di persone competenti da tutta Italia e dell’Ambasciata. Grazie ancora per avermi invitato qui dagli Stati Uniti. Non penso che avremo molti elementi di disaccordo, penso che tutti noi stiamo realmente cercando un equilibrio. E così, essendo direttamente saltata alle conclusioni del mio discorso, vado subito a sedermi!

La mia formazione iniziale è da storica, e continuando poi a studiare legge mi sono resa conto che anche tra queste due discipline non c’è incompatibilità. Perciò quello che vorrei fare oggi è una veloce panoramica sulla storia del copyright negli Stati Uniti per contribuire alla costruzione di una prospettiva internazionale e, per quei pochi tra noi che vi focalizzeranno, su cosa è necessario fare per rendere applicabile a livello internazionale l’accesso aperto all’interno di una legislazione bilanciata sul copyright, in modo che tutti i paesi possano progredire e allo stesso tempo rispettare quei diritti di proprietà intellettuale che abbiamo già menzionato.

Così, in generale, proprio per essere sicuri di essere tutti sulla stessa lunghezza d’onda, cos’è il copyright? E’ la protezione garantita all’autore per un lavoro originale, su un supporto tangibile, per un periodo limitato di anni, con diritti esclusivi e tutti quegli attributi elencati a termini di legge negli Stati Uniti. La protezione è soggetta a varie eccezioni come la first sale, l’uso nelle classi, la licenza obbligatoria, e la più interessante, quella se non sempre molto spesso contestata, del fair use.

E’ stato detto che l’origine del copyright nel diritto americano è effettivamente la Costituzione e quando insegno questo agli studenti dei primi anni di università loro sembrano decisamente confusi perché pensano soprattutto a quello che succede scaricando musica oggi. “E come può questo avere a che fare con qualcosa che è successo oltre duecento anni fa?” Invece ha molto a che fare con quello che è successo oltre duecento anni fa. Certamente gli Stati Uniti sono stati costruiti sugli ideali ed i principi di partecipazione politica e democrazia. Ma bisogna anche sottolineare il gran desiderio della nostra nazione di avere libero commercio, un concetto rivoluzionario nel diciottesimo secolo, ed il riconoscimento che per avere libero commercio era necessario stimolare un alto livello di innovazione nell’economia, una vera e propria esplosione di idee. La rivoluzione industriale cominciata in Gran Bretagna sarebbe continuata, almeno nelle intenzioni di Alexander Hamilton, negli Stati Uniti. E per promuovere il livello di sviluppo economico necessario per alimentare una rivoluzione industriale negli Stati Uniti doveva esserci qualche criterio su come incentivare l’autore di opere creative o l’inventore a portare avanti le loro idee e tradurle in fatti economici.

Così i nostri padri fondatori ebbero un dibattito estremamente interessante. Forse non abbiamo tempo di vederne i dettagli, ma George Washington era interessato alla creazione di un pubblico dominio; Tomas Jefferson molto radicalmente interessato a liberarsi dei monopoli, e James Madison, padre della nostra costituzione americana, voleva un equilibrio tra pubblico dominio e copyright. Queste esigenze hanno generato il linguaggio che abbiamo qui: promuovere il progresso della scienza e delle arti utili assicurando agli autori ed agli inventori, per un tempo limitato, il diritto esclusivo al rispetto di scritti e scoperte scientifiche. Così, vedete, si coglie la tendenza a mantenere alcuni limiti attorno a questo diritto esclusivo per alimentare il pubblico dominio, ma anche il diritto esclusivo, che veramente risale all’Inghilterra del sedicesimo secolo (lo Stationer’s Act del 1557, dopo la nascita della stampa).

Il nostro Congresso ha approvato la prima legge sul copyright nel 1790, solo un anno dopo la Costituzione. Così, ancora una volta, si può vedere l’importanza che anche nel diciottesimo secolo i nostri padri fondatori attribuivano a queste idee. Si trattava, se volete, di copiare una legge britannica che aveva un ambito piuttosto limitato: la protezione era per 14 anni più altri 14, e richiedeva la registrazione. Ed è importante dire che anche l’insieme delle opere tutelate era estremamente ristretto in confronto ad oggi. Comprendeva libri, carte geografiche... ma tutto quello che aveva una provenienza ufficiale dal governo era, effettivamente, nel pubblico dominio, ma si trattava di un buon tipo di opere, che erano un’eccezione rispetto a quelle delle classi letterarie. E cosa faceva questa legge, quali erano i suoi effetti più importanti? Bilanciava gli incentivi con l’innovazione in una economia di libero mercato.

Nel diciannovesimo secolo gli Stati Uniti avevano una legge sul copyright molto debole in confronto a quella britannica. A quel tempo erano la nazione che al mondo violava di più il copyright. Eravamo un paese in via di sviluppo e non eravamo obbligati da trattati a rispettare la legge inglese, e perciò ci abbandonavamo alla riproduzione di Austen, Dickens, Defoe... Nominate il vostro autore inglese preferito e vedrete che lo riproducevamo in grandissima copia all’interno della nostra frontiera. In parte per la mancanza di leggi che costringessero gli Stati Uniti al rispetto delle leggi britanniche, in parte, ancora una volta, perchè eravamo poveri, e usavamo qualsiasi mezzo a disposizione per arricchirci culturalmente. E nella tradizione angloamericana, gran parte della cultura veniva da loro. Non è diverso, e questo è interessante, da quel che pensiamo oggi dei paesi in via di sviluppo, quando tentiamo di individuare un bilanciamento adeguato.

E nel corso del diciannovesimo secolo c’è stata una crescita graduale dei termini. Cioè la durata della protezione è cresciuta un pochino per volta. Nello stesso periodo è emerso nella giurisprudenza il precedente per il fair use. Come sapete, nel sistema di common law la giurisprudenza ha spesso la funzione di acquisire nuovo diritto, ed effettivamente il concetto di fair use ha avuto origine da un caso della Corte Suprema.

Nel ventesimo secolo, a partire dal 1909, la legge sul copyright diventa molto più stringente. Il caso dei rulli per pianola e la testimonianza di Mark Twain di fronte al Congresso furono tra le spinte più importanti verso un avanzamento della legge molto più veloce. Ma questo rafforzamento era anche un tenersi al passo con il fatto che gli Stati Uniti stavano diventando un paese industrializzato. Volevano proteggere esattamente quelle cose (anche se noi adesso pensiamo all’economia dell’informazione ed ai prodotti culturali che gli Stati Uniti esportano oggi, a quel tempo invece si trattava per lo più di prodotti industriali). C’era un po’ di interesse per la letteratura, simboleggiata da Mark Twain, ma anche in molte delle scoperte e delle innovazioni che richiedevano la protezione dei brevetti.

La legge del copyright del 1976, cosa sufficientemente sorprendente, è la nostra attuale legge sul copyright. E, oserei dire, questo potrebbe essere parte del problema che fronteggiamo oggi. Non c’è bisogno di spiegare che nel 1976 personal computers, digitalizzazione e sistemi di rete effettivamente non esistevano, con l’eccezione, forse, di qualche pionieristica invenzione. Non esistevano di fatto come fenomeno di massa. Non avevano alcun impatto sui modi in cui norme sociali, tecnologia, diritto e mercato interagivano, così da dare un senso a queste leggi sul copyright, poiché queste erano state modellate dagli stakeholders, che avevano fuso insieme tutti quei fattori in un modo che poteva realmente servire la loro posizione. Ed il rafforzamento della loro posizione con una solida legge sul copyright, dietro ad una espansione della cultura americana che stava diventando in modo crescente, e che alla fine tra gli anni '80 e '90 è effettivamente diventata la maggiore esportazione (40% a livello internazionale), è ciò che coincide con la proprietà intellettuale e si trova in gran parte nell'area dell'intrattenimento.

La legge del '76 disegnata da questi  proprietari dei contenuti presenta anche una definizione della legge sul copyright molto differente da quella che c'era  nel diciottesimo e diciannovesimo secolo. Ora ha un ambito estremamente vasto, termini estesi, nessun obbligo di registrazione e, anche questo per la prima volta, fair use codificato. Che è probabilmente ciò che ha continuato a renderla un argomento molto interessante, perchè ora abbiamo un linguaggio specifico con cui lavorare, anche se in quel linguaggio ci sono molti rischi di ambiguità.

Così, vorrei giusto mettere un pochino a fuoco questo, so che per tutti voi questa è probabilmente conoscenza comune, ma, ancora, sto cercando di collocarla nel suo contesto storico in modo che possiamo riflettere su da dove veniamo e dove stiamo andando, l'ambito ora ricopre tutte le opere originali su un mezzo tangibile. Se più tardi quando avrò un cocktail con voi diventerò creativa e scriverò qualcosa che ha un barlume di originalità su un tovagliolo, ora ne avrò il copyright. Bene, ora il mio diritto durerà tutta la mia vita più 70 anni. Spiegherò tra un minuto perchè qui è differente e cosa sto dicendo. Comunque nel 1976 sarebbero stati 50 anni e 75 per le società. La registrazione non è richiesta. Nel momento in cui io scrivo qualcosa su un mezzo tangibile che abbia qualche sprazzo di originalità tutti i termini decorrono immediatamente. I danni sono anche veramente straordinari, stabiliti in un tempo in cui la tecnologia non permetteva una sorta di esplosione delle violazioni. Bisogna pensare ad un uso intenzionalmente e genuinamente criminale, di qualcuno che si piazza in un angolo a vendere cassette in quantità, in un angolo della strada oppure vendendole con qualche altro mezzo fraudolento. E perciò erano stabiliti a termini di legge in 750 dollari per le violazioni minori, meno intenzionali, fino a 150,000 dollari (questo quando l'opera è registrata e se è stata copiata con un’unica violazione, chiaramente intenzionale).

Occupandomi di fare applicare il copyright alla Cornell University, ho visto le richieste che sono provenute dai proprietari di contenuti.  Per uno studente (giusto per darvi un esempio) che ha un programma di file sharing sul suo computer, con una collezione di forse 1000 canzoni, i proprietari dei contenuti ne sceglieranno 100, 50, 200, dipende. Soltanto con una uscita (e i sistemi di rete da soli consentono di scaricare costantemente e ripetutamente), ma anche solo per una uscita le cifre che i proprietari dei contenuti hanno richiesto per danni agli studenti hanno raggiunto le centinaia di migliaia di dollari. E' diventato estremamente importante per noi, allora, educare i nostri studenti. Avevamo già cominciato a farlo, ma ora dobbiamo affrontare la grande ondata di tecnologia che rende tutto questo possibile. Potrei anche raccontarvi, forse più tardi, le storie dei genitori che mi hanno chiamato, alcuni senza capire che era un proprietario di contenuti che stava facendo causa al loro figlio, pensando invece che si trattasse di Cornell. E potete solo immaginare quanto fossero infelici.

Il Copyright Extension Act che il Presidente Clinton ha firmato nel 1998 ha allungato i termini della tutela di 20 anni. E questo conta per ciò che stavo dicendo prima. Così ora sul mio poemetto sul tovagliolo da cocktail io ho i diritti per il resto della mia vita più 70 anni. E' ovviamente un tempo molto lungo. E le società avranno questa protezione per 95 anni. Negli Stati Uniti ci si riferisce comunemente a questa legge come al Mickey Mouse Protection Act, e mentre qualche volta i commenti sarcastici della gente sulla legislazione sono fuori bersaglio, io penso che in questo caso non c’è esagerazione. La legge è stata chiaramente e singolarmente pagata dalle pressioni della Disney, che era preoccupata perchè Mickey Mouse stava per entrare nel pubblico dominio. Così, quando più tardi discuteremo del bilanciamento e di cosa sia giusto fare, questo è realmente l'esempio di un grande caso. Dovrebbe essere lecito, per qualcosa che è divenuto così popolare come Mickey Mouse, entrare nel pubblico dominio in modo che la gente possa cominciare a creare, riusare il concetto, l'idea, il marchio su tutti i cartoni in un modo innovativo? O dovrebbe essere consentito ad una società di pressare il congresso così pesantemente da aggiungere altri 20 anni per mantenere i suoi profitti? Queste sono le domande, credo su cui focalizzeremo la nostra discussione più tardi.

Il Digital Millennium Copyright Act dello stesso anno si può pensare in due sezioni.  La prima largamente procedurale, stabilisce la procedura per la  quale un proprietario di contenuti può contattare un internet service provider per una presunta violazione e prevede quattro limitazioni della responsabilità del provider. E di nuovo controllando questo per la Cornell University, che gestisce un sistema di rete, è veramente importante considerare tutte le tutele previste dalla legge. Noi abbiamo una procedura molto rigida attraverso la quale operiamo in modo che se ci sono dei contenuti protetti che stanno uscendo sulla nostra rete da uno dei nostri server li rimuoviamo immediatamente. Quando è coinvolto uno studente non siamo legalmente responsabili a meno che, ed eccetto il caso in cui, ci sia un trasgressore che si ripete costantemente e che noi rileviamo dagli avvisi DMCA che arrivano alla Cornell University; a quel punto attiviamo una procedura specifica per gli studenti. Di nuovo siccome il traffico passa sui loro computer piuttosto che sui computer dell’università, la legge tratta la situazione in modo diverso e noi cerchiamo di trattare ciascuna situazione secondo le nostre responsabilità ma anche secondo la nostra missione. 

La sezione 1200 è l’area della legge sul copyright che ha aggiunto nuova legge alla disposizione sostanziale del 1976, che ha trasformato in una violazione del copyright la forzatura del codice di protezione che è su un DVD e che ne impedisce la copia. Che tu abbia copiato quel DVD o no dopo aver forzato il codice non importa; la tua responsabilità è già implicata semplicemente per aver forzato il codice. Se poi copi il DVD, allora stai anche violando la legge di base del '76. Ma basta forzare il codice.  Questa disposizione è molto controversa negli Stati Uniti, come in qualsiasi comunità accademica. Nella legge c’è già l’idea, costruita in maniera molto restrittiva, di un’eccezione per la ricerca, ma molti ricercatori negli Stati Uniti, e all’Università di Princeton in particolare, ne hanno fatto un problema politico. Non credo che ci sia ancora stato un caso attraverso il quale chiarire la portata dell’eccezione. E sfortunatamente non c’è stato alcun cambiamento nei termini della legge che chiarisse realmente che questo provvedimento può impedire la ricerca e ostacolare la progettazione, che è veramente importante per gli informatici e gli ingegneri per studiare e capire in modo da innovare ancora di più. 

Di nuovo,  sollevo questo problema perché questo potrebbe forse essere un altro esempio dove  l’idea di avere una forte legge sul copyright, un’idea con la quale non sono in disaccordo (e molte persone non sono affatto in disaccordo),  tuttavia , è oscurata dalle complicazioni dei dettagli di queste leggi che sembrano spingere il bilanciamento  così fortemente in favore dei proprietari dei contenuti  che l’esatta ragione per la quale  noi vogliamo una forte legge sul copyright – e cioè per incentivare ed assicurare che ci sia una economia equilibrata – può essere ostacolata dall’importanza che la legge sembra ora dare ai proprietari dei contenuti,  in contrasto con chi vuole creare, innovare, e poter utilizzare i materiali nel pubblico dominio per continuare a fare avanzare i motori dell’economia.

Il fair use è stato  naturale campo di battaglia in questa  questione. La legge del 1976 prevedeva quattro fattori (e sono sicura che questa è informazione nota a molti di voi): il tipo di materiale, la quantità usata, la natura dell’uso e la qualità commerciale, se può avere ripercussioni sulla remunerazione dovuta al proprietario dei contenuti. Abbiamo alcuni casi della Corte Suprema su questo punto. Qualche anno fa ci fu un caso contro uno dei primi gruppi rap, Two Live Crew, per il pieno uso della canzone Pretty Woman. La Corte decise in favore del gruppo invece che del creatore perché interpretò l’utilizzazione come una parodia. E’ un caso molto importante che non sembra essere più citato, e questo mi incuriosisce. Voi sapete quanto la musica rap e remix usino vecchi materiali. Ho capito che perfino per i più piccoli frammenti ormai si pagano i diritti per il timore di una causa,  quando qui abbiamo, appena una generazone fa, un caso in cui, usata  una intera canzone, la Corte Suprema ha ritenuto applicabile l’eccezione per il fair use. Sapete, abbiamo una battuta negli Stati Uniti riguardo la complicatezza del fair use e dei quattro fattori: quante persone sanno la risposta definitiva ad un problema di fair use? Cinque, perché quella è la maggioranza necessaria per la decisione della Corte Suprema.

Bene, questo rende le cose molto difficili. Fare una causa è molto dispendioso negli Stati Uniti e non si possono semplicemente lasciare le cose in sospeso per anni e anni fino alla decisione del tribunale. E così la ricaduta conseguente nella cultura contemporanea per la musica rap e remix sembra essere quella di ottenere i permessi di utilizzazione attraverso una licenza, cosicché un considerevole ammontare di denaro fluisce in quella direzione. Ma di nuovo, è possibile fare questo solo quando si è già ottenuto un contratto con una casa discografica che ha una squadra di consulenti e di avvocati in grado di  facilitare questo tipo di licenze. Così, mettendo da parte la questione se questi casi debbano in ogni caso essere trattati come fair use, sorge l’ulteriore questione: che cosa stiamo facendo ai giovani creatori che non hanno a disposizione una squadra di avvocati alla quale telefonare e dire: “Guarda, sto usando un pezzettino in una certa canzone fatta nel 1970. Puoi dirmi con sicurezza che non mi faranno causa?” Questo non esiste e io penso che sia parte di ciò che potrebbe bloccare lo sviluppo non solo di musica e rap, ma di molte altre aree della cultura.

Così certamente Google Books è in cima alla lista dei  casi più noti nel campo del fair use. Ne abbiamo parlato a cena ieri sera. Tutti stanno aspettando ansiosamente la decisione del giudice Chin. E’ fuori questione che fosse necessaria una società delle dimensioni di Google per poter sollevare uno dei più importanti casi di fair use della nostra generazione al livello della corte federale. E mi chiedo se la quantità enorme di tempo che il giudice sta impiegando per prendere la decisione dipenda dal fatto che è veramente una decisione difficile da prendere. In assenza di quella decisione, già questa settimana, altre cause hanno cominciato a pioverci addosso nei nostri college e università, inclusa la Cornell University, citata lunedì mattina dall’associazione americana degli editori perché ha partecipato al progetto Google Books. Così credo che mentre aspettiamo la decisione gli editori non se ne rimarranno seduti a mangiarsi le unghie. Saranno in tribunale, a intentare cause e, finché hanno la possibilità di farlo, stanno cercando di spingere, credo, il giudice Chin e la legge in una direzione favorevole.

In aggiunta alle cause di questo week end e a tutte quelle che coinvolgono Google Books dalle origini, abbiamo un caso che ha grande importanza per il sistema educativo degli Stati Uniti, lo Stato della Georgia contro l’Associazione degli editori americani. Non vi annoierò con tutti i dettagli procedurali. Ci sono state molte denunce, che sono state tutte fuse in un’unica violazione indiretta del copyright, con lo stato della Georgia che richiama l’eccezione del fair use. Di nuovo, questa è una decisione che stiamo ansiosamente aspettando, pensavamo sarebbe arrivata in queste ultime due settimane, ma non è così, probabilmente vedremo la risposta durante l’autunno.

 Abbiamo già cominciato a parlare del capitolo rap e remix. Un giorno ero con mio figlio quattordicenne e lui stava ascoltando della musica rap, quando ho improvvisamente sentito qualcosa che mi ha fatto suonare in testa un campanello, e ho pensato: “Che cos’era quello?” Gli ho chiesto di sentire di nuovo il pezzo, e lui l’ha ripetuto un paio di volte. Alla fine mi sono ricordata di una canzone di Janet Jackson dei primi anni ’80, Escapade. Era un pezzetto così [canterella qualche nota]. Tutto qui. Era tutto qui quello che aveva preso da quella canzone, esattamente le note che vi ho appena cantato. Ma ho controllato e per quel piccolo frammento era stato richiesto il permesso. Per una quantità, cioè che in qualsiasi calcolo sul fair use dovrebbe essere consentita. Questo è il tipo di pratica a cui mi riferivo prima, che potrebbe trattenere i giovani artisti fuori dalla scena culturale che sta sviluppando la musica oggi, se è necessario un permesso per poter usare dieci note di una canzone. Di nuovo, sto dicendo cose che suonano davvero ovvie per tutti noi ma penso che è bene stabilire le fondamenta prima di passare a commenti ulteriori.

Il copyright prima e dopo internet. Chiunque possieda i contenuti, in realtà controlla internet, e penso che sia importante situare alcune delle battaglie sul copyright in questo contesto. Internet è molto interessante per un ingegnere per i fini della connettività o per l’efficacia dei semiconduttori. E’ molto interessante come tecnologia, e in quella tecnologia i protocolli TCP IP sono nel pubblico dominio perchè sono stati sviluppati dagli Stati Uniti, ma ciò che è veramente interessante di Internet è quello che voi ed io possiamo leggerci. Quelle altre cose possono soddisfare lo scienziato ma quello che noi amiamo della rete è ciò che possiamo leggere. Quello che possiamo leggere è ciò che è protetto dal copyright, sia come contenuto che come software che lo converte. E dunque è molto importante per noi comprendere che parte delle battaglie sul copyright non riguardano soltanto questioni di proprietà intellettuale, ma anche, in generale, il controllo della rete. E’ anche importante ricordare che la maggior parte delle applicazioni internet, anche se aperte ed accessibili a noi, sono di proprietà privata. Quando andate su Google siete in uno spazio privato; quando andate su Facebook siete su uno spazio privato. E per la legge americana quando siete in uno spazio privato si applicano regole molto rigide, perchè la proprietà privata ha un valore fondamentale. La rete non è tutta pubblica, anche se sembra così quando la usiamo. Dunque questi due punti, il controllo della rete ed il fatto che così tanto di quel che usiamo nella rete è controllato privatamente fanno parte della conversazione che dobbiamo tenere quando parliamo di che cos’è il giusto bilanciamento e per quali scopi.

Va bene, adesso continuerò più velocemente. Anche la tecnologia che ha messo in discussione il modello di business proprio del ventesimo secolo è certamente parte di questa conversazione e naturalmente per estensione con il trattato di Berna include tutti i paesi in via di sviluppo. E qui voglio fare riferimento a questo, soprattutto per l’esempio di ciò che i diritti morali prevedono nell’Unione Europea. Sappiate, forse lo sapete già, che  gli Stati Uniti non hanno questo concetto di diritti morali. Ci tornerò fra un minuto. Molte persone mi hanno chiesto perchè non lo abbiamo. La ragione principale è che il mercato è tanto forte negli Stati Uniti, che, a differenza dell’Unione Europea, ha spinto i diritti morali fuori dall’equazione del copyright. Così, se io scrivo una storia in cui il personaggio principale muore alla fine, e la Disney la compra e fa sopravvivere il protagonista, io non ho alcun diritto di dire “Aspetta un momento, io la storia l’ho scritta così per una ragione.” Loro hanno comprato il copyright adesso, lo possiedono in modo completo e integrale e io non ho diritto di dire nulla su quello che fanno con il materiale dopo che glielo ho venduto. Nell’Unione Europea questo sarebbe differente, come tutti voi sapete. E io rilevo questa differenza fra la legge americana e quella europea non soltanto per sottolineare che forza potente sia il mercato negli Stati Uniti (e penso che invece nell’Unione Europea sia più regolato dai governi), ma anche perchè voglio sviluppare qualche idea sulle leggere differenze che abbiamo in vista della mia conclusione.

Penso che possiate dedurre da quel che sto suggerendo che la tecnologia ha ricacciato la legge sul copyright fuori dall'equilibrio con le norme sociali che la avevano stabilizzata al momento della sua promulgazione negli anni '70, e che è anche sbilanciata a causa della migliore e più vigorosa economia dell’informazione che si è affermata su scala globale. L’ambito, senza registrazione, è troppo ampio. I termini sono troppo lunghi, si sta creando una proprietà perpetua con una legislazione a rate. I 20 anni stanno per ripresentarsi di nuovo con il signor Mickey Mouse, e siamo molto ansiosi di vedere se avremo nuova azione legislativa in suo nome, anche se c’è stata così tanta pubblicità in precedenza che sarebbe una sfida alla propria reputazione per la Disney prendere ancora un altro investimento con un’altra rata. I danni sono fin troppo estesi e la questione delle opere orfane è stata continuamente ignorata, problematica com’è.

I proprietari dei contenuti, in breve, vogliono che la legge compensi la loro perdita di controllo indotta dalla tecnologia. Così, io consento totalmente, come sono certa tutti facciamo, che la tecnologia ha minato il controllo che loro avevano, ma quel che sembra essere il caso è che loro stanno usando la legge per cercare un nuovo equilibrio. Così abbiamo una legge molto molto pesante ed una tecnologia molto selvaggia, e non sono affatto sicura che questo sia il modo migliore per cercare di ricreare il bilanciamento degli anni settanta.

Perchè dico questo? Perchè come genitore e come educatore mi sembra – e questa non è una nuova idea, molti negli Stati Uniti ne hanno parlato – che stiamo creando una generazione di criminali. L’ammontare che vi ho detto prima, arrivato a Cornell da condividere con gli studenti, potrebbe facilmente oltrepassare il livello della criminalità riguardo al copyright, che negli Stati Uniti è sia diritto penale che civile. E cosa stiamo facendo per una generazione di giovani che stanno impunemente usando la tecnologia per violare la legge, mentre noi giriamo lo sguardo oppure pensiamo “Beh, qui è tutto confuso?”Allo stesso tempo il fatto che la legge diviene sempre più severa e restrittiva con il tipo di creatività che noi tutti vogliamo stimolare nei nostri figli e studenti fa pensare che c’è qualcosa di sbagliato, che tutti insieme in quanto comunità dovremmo correggere. E la mia principale ragione per promuovere questa idea è che se lasciamo che i nostri bei figli si trasformino in una generazione di criminali, questo metterà in discussione la nozione stessa di cittadinanza che è alla base delle nostre democrazie e l’economia dell’informazione come la vediamo oggi, in un contesto mondiale in gran parte di libero mercato.

Cosicché io credo che le sfide per il diritto e la società statunitensi siano di tenere bilanciata la legge sul copyright e far restare nel mercato norme sociali e tecnologia, ma assieme ai valori fondamentali per una società democratica, che certamente riguardano accesso aperto, libertà di espressione, innovazione e incentivi, ma in essenza, e certamente non solo per gli Stati Uniti ma per tutti noi, riguardano la partecipazione civile.

Le sfide internazionali, per come le vedo io, sono nell’armonizzare la legge sul copyright nei paesi sviluppati e nei paesi in via di sviluppo, in Asia per esempio, che si trovano più o meno oggi o forse vent’anni fa nelle stesse condizioni in cui erano gli Stati Uniti nel diciannovesimo secolo. La Cina in particolare si sta velocemente muovendo verso una forma di armonizzazione perchè ora  mira alla protezione del suo fiorente mercato di prodotti legati alla proprietà intellettuale. Non so se sia possibile nel diritto creare attraverso trattati una sorta di scala mobile in base alla quale offrire ai paesi in via di sviluppo un accesso più ampio, come facciamo attualmente con i farmaci, in modo da farli crescere e metterli in condizione di competere alla pari con le leggi più solide.

Le opportunità a livello internazionale sono, credo, nel fatto che l’Unione Europea ha esercitato un ruolo di governo più forte ed autonomo nelle sue leggi e politiche su internet, e intendo questo in un ambito più generale e non solo per il copyright in senso stretto. L’antitrust ne è un esempio di spicco, per come lo vediamo esercitato nel caso contro Microsoft e molto recentemente con Google sulla privacy. Francia e Gran Bretagna hanno imposto la three strikes law per le violazioni del copyright, e penso avremo molto di cui discutere. Per chi è concepita? E’ un processo sufficientemente accurato? Ma di certo quel che mi sembra interessante è che il governo sta esercitando sugli internet service providers una pressione più forte di quanto non si faccia negli Stati Uniti. Di nuovo, questo è un problema di mercato.  Sto aspettando il giorno in cui quel tipo di forza verrà esercitata sui nostri provider commerciali negli Stati Uniti. Non avverrà per legge, potrebbe avvenire in discussioni tra i proprietari di contenuti e i provider internet, ma dubito moltissimo che potremmo avere il tipo di three strikes law che stiamo cominciando a vedere emergere nell’Europa occidentale, semplicemente perchè il mercato non consentirà una simile intrusione da parte del governo.

Ma io credo che dobbiamo riconoscere che parte della egemonia, per usare una parola fuori moda, degli Stati Uniti stia cominciando a svanire, anche in campo culturale. E quindi potrebbe esserci una possibilità di discutere insieme, come una comunità globale, di quali potrebbero essere le leggi più adatte per la proprietà intellettuale, non ultime quelle per il copyright. In questo campo io credo che da un concetto come i diritti morali potrebbe partire il discorso per il bilanciamento internazionale. Cosa potrebbe essere migliore per la comunità in generale? I diritti morali hanno una importante qualità, di preservare quegli aspetti trascendentali che abbiamo visto evidenti alle origini nella Costituzione. C’è qualcosa di prezioso che va protetto, e i diritti morali, credo, lo racchiudono in un modo che negli Stati Uniti abbiamo perso. Ed è la ragione per cui gli studenti, quando insegno loro che il copyright è nella nostra Costituzione, sembrano sconcertati, perché pensano al copyright come qualcosa che li blocca nell’esercizio della loro creatività, pensano alla Costituzione come una gran cosa e non capiscono il legame tra i due. Io penso che il concetto dei diritti morali preservi la presenza dell’autore in un modo che trascende perfino quel contratto con un editore o una industria cinematografica, il tipo di senso che vogliamo ricreare quando consideriamo il copyright su scala internazionale per questo prossimo millennio, perchè quella è la sua parte più preziosa, la cosa che sprizza originalità e innovazione.

Dunque, quali sono i primi principi del copyright? Il bilanciamento di innovazione, incentivi, libertà di espressione e di un pubblico dominio dinamico, la cittadinanza in una democrazia partecipativa e semiotica. La mia conclusione. E’ la questione politica internazionale centrale, perciò grazie ancora per avermi invitata. Riguarda libertà di espressione, democrazia semiotica ed il discorso sulla cultura. Obiettivi che sono sicura ciascuno di noi in questa stanza sente appassionatamente. E certamente riguarda onestà, libertà ordinata, e tocca questioni che sono al centro della ribalta: penso che negli Stati Uniti oggi la mercificazione degli individui, a causa di questa estrema pressione del mercato, e l’influenza non dovuta delle società multinazionali siano il nucleo politico del significato del copyright e della proprietà intellettuale, non solo per il futuro della nazione ma per tutti noi.

 

Azioni sul documento
Tag Cloud
Video
RSS FEED..SEGUICI

RSS FEED